Il blog di

WuBook_logo
aumentare le prenotazioni di hotel e b&b in bassa stagione

Come aumentare le prenotazioni durante la bassa stagione? 5 consigli utili

Offerta speciale solo per te!

Utilizzo completo della piattaforma a metà prezzo x 3 mesi, con un risparmio di 121€!

GESTIONALE ALBERGHIERO PRO
Con il gestionale alberghiero potrai gestire prenotazioni, camere, tariffe, housekeeping, schedine Istat e Alloggiati e molto altro, tutto da un’unica interfaccia.

  • Camere e prenotazioni illimitate
  • Archivio clienti
  • Planner
  • Rilevamento e notifica eventi
  • Gestione completa di Prodotti, Tariffe e Occupancy
  • Online Check-in e integrazioni per Self Check-in
  • Mobile App per iOS e Android
  • Suite di Comunicazione con i clienti
  • Gestione Pagamenti Online
  • Statistiche avanzate
  • Gestione report Istat, Alloggiati e Tassa di Soggiorno
  • Gestione e organizzazione pulizie tramite app

CHANNEL MANAGER
Per la gestione fino a 3 canali OTA e Metasearch a scelta tra più di 100 canali connessi.
Booking.com, AirBnB, Expedia, Google, Hotels.com, Hrs, Agoda, TripAdvisor, Trivago, HotelBeds tra le principali OTA per hotel. Riduci drasticamente il rischio di overbooking!

FATTURAZIONE ELETTRONICA
Emetti tutti i documenti, sia fiscali che non fiscali in maniera automatizzata. Inclusi fatturazione in ciclo attivo e passivo e accesso per il commercialista.

BOOKING ENGINE
Il Motore di prenotazione per convertire direttamente dal sito web dell’hotel, integrato con tutte le funzionalità della piattaforma, ti permette di disintermediare dalle OTA e creare offerte personalizzate per fidelizzare i tuoi clienti.

  • Preventivi e email personalizzate
  • Integrazione ai tuoi Social Network
  • Design moderno e intuitivo
  • Gestione Multi-tariffa e multi-proprietà
  • Mobile responsive
  • Widget per il tuo sito web
  • Alta personalizzazione di immagini e contenuti

Cari e care WuBookers, se siete tra coloro che mantengono la struttura aperta tutto l’anno, vi sarà certamente capitato di notare un andamento variabile delle vendite a seconda del periodo. Se l’alta stagione non pone particolari problemi o rischi (escluso quello dell’overbooking), nella bassa stagione si riscontra invece un calo delle richieste difficile da gestire. Come aumentare le prenotazioni di B&B e alberghi durante questi mesi?
Vediamo insieme quali sono le considerazioni da fare e le strategie consigliate per affrontare al meglio la destagionalizzazione.

Considerazioni preliminari per affrontare la bassa stagione

Come in ogni strategia che si rispetti, anche per quelle che riguardano la bassa stagione è necessario prima di tutto raccogliere alcune informazioni preliminari sulla propria struttura e sul contesto in cui opera.

Vuoi saperne di più su argomenti come "Come aumentare le prenotazioni durante la bassa stagione? 5 consigli utili"?

Iscrivendoti alla newsletter ricevi i consigli dei nostri esperti e le offerte commerciali più vantaggiose:

Quand’è la tua bassa stagione?

Può sembrare banale, ma la bassa stagione non è la stessa per tutte le realtà e molto dipende da dove si trovano. Case vacanze e hotel in località marittime, ad esempio, subiranno una contrazione delle vendite soprattutto tra l’autunno e l’inverno, periodo di punta invece per chalet e alberghi di montagna.
Il primo passo dunque è definire qual è il periodo di bassa stagione sulla base delle proprie caratteristiche e, idealmente, del proprio storico di prenotazioni: analizzandolo si riuscirà infatti a capire la tendenza nel tempo e a individuare con precisione picchi e cali.

Anche città d’arte come Roma, Firenze e Venezia – pur abituate a un flusso pressoché continuo di turisti – subiscono comunque una riduzione delle presenze fuori stagione o una loro diversificazione.
Il target è proprio il secondo punto su cui ti consigliamo di concentrarti prima di passare alla al piano di gestione.    

aumentare prenotazioni b&b gestione calendario

Qual è il tuo target?

La bassa stagione non è uguale per tutti anche in termini di ospiti. Spieghiamo meglio: le famiglie con figli sono solite spostarsi in corrispondenza delle chiusure scolastiche o delle ferie di lungo periodo. Al contrario, coppie giovani o lavoratori sono meno vincolati a una specifica routine.
Capire chi è il tuo target principale ti aiuterà non solo a prevederne il comportamento nel momento di massima richiesta, ma anche a strutturare un’offerta che incentivi le prenotazioni quando la domanda è al minimo.

Oltre a questo, è importante chiedersi anche qual è il pubblico che non si sta coinvolgendo e che potresti invece cercare di intercettare per compensare la bassa stagione. Ampliare o modulare la propria offerta per risultare attraenti anche agli occhi di chi normalmente non soggiorna in struttura può essere infatti un metodo vincente per migliorare l’occupancy nei mesi più scarichi.

Come si comporta la concorrenza?

Distinguersi dai competitor è sempre auspicabile per diverse ragioni di marketing e di mercato, tuttavia non è detto che le soluzioni adottate dalla concorrenza non possano essere valide anche per te. Studiare le strategie altrui può inoltre fornire spunti utili per elaborare o ottimizzare la propria.
Ecco perché è essenziale guardarsi attorno e valutare come si muovono B&B e hotel vicini: chiudono per tutto il periodo, riaprendo solo alla stagione successiva? Ritoccano prezzi e tariffe? Modificano la tipologia di offerta?
Non è necessario fare una mappatura precisa di ogni singola realtà, tuttavia avere un quadro generale è sicuramente vantaggioso.

5 consigli per aumentare le prenotazioni in bassa stagione

Un’altra valutazione imprescindibile da fare riguarda i costi di gestione della struttura e gli eventuali tagli temporanei da fare affinché l’apertura in questo periodo sia sostenibile.
Al netto di questo, è consigliabile rivedere la propria strategia partendo da alcuni consigli macroscopici, da testare e valutare caso per caso e in combinazione tra loro.

aumentare prenotazioni albergo reception hotel

Modifica le condizioni di prenotazione

Durante l’alta stagione, le restrizioni alle prenotazioni possono essere uno strumento utile per aumentare il tasso di occupazione e garantire la vendita delle camere alle condizioni migliori per l’hotelier. Lo stesso però potrebbe non valere per la bassa stagione, che dovrebbe invece facilitare al massimo la prenotazione immediata.  

Meglio quindi:

  • aumentare la booking window: permettendo prenotazioni anche con molto anticipo e fino all’ultimo minuto;
  • evitare le limitazioni sul soggiorno, come il soggiorno minimo o massimo;
  • applicare politiche di cancellazione senza penali o comunque flessibili per non scoraggiare il processo di acquisto.

Il medesimo criterio può essere adottato anche per intervenire su altri aspetti che possono ostacolare o rallentare le prenotazioni su specifici canali, come Airbnb. Qui ad esempio esistono varie restrizioni che possono condizionare l’iter dell’utente, come la pre-richiesta all’host o l’obbligo di avere una fotografia del profilo. Eliminando questi requisiti, si avrà meno controllo da un lato, ma più flessibilità dall’altro.

Rivedi la tua strategia di prezzo con sconti e tariffe speciali

Sconti e tariffe speciali sono una delle leve principali per aumentare le prenotazioni in quasi tutti i momenti dell’anno. Attenzione però a elaborare un’offerta sensata: prezzi troppo bassi e “ingiustificati” rischiano infatti di danneggiare l’immagine o la percezione della struttura.
Ecco perché, oltre a ridurre semplicemente il costo dell’alloggio, potresti abbinare alla tariffa standard servizi ancillari normalmente esclusi, come early check-in o late check-out, ma anche prima colazione o l’accesso alla SPA, se presente.

Solitamente i weekend sono più richiesti dei giorni feriali, ma non è detto che l’offerta non possa variare all’interno della settimana.  
Per incrementare le vendite, potresti quindi adottare un sistema di sconti che si applica solo dal lunedì al venerdì (ad esempio, tre notti al prezzo di due), lasciando invariato il listino di sabato e domenica.  

Amplia il bacino di ospiti con pacchetti e collaborazioni

Pacchetti vacanza e collaborazioni con agenzie e realtà locali possono aumentare il bacino di ospiti della struttura con relativo poco sforzo. Esistono infatti categorie di viaggiatori che si spostano in modo organizzato e che magari non stai intercettando. Pensa, ad esempio, alle scolaresche, ai matrimoni o ai viaggi per anziani. Entrare nei circuiti giusti può assicurare una clientela ricorrente e continuativa anche in bassa stagione.
Se la gestione dei gruppi ti spaventa, puoi considerare invece di eliminare qualche barriera all’ingresso, magari aprendo le porte agli animali domestici, fattore decisivo per alcuni ospiti che viaggiano soli.

aumentare prenotazioni bassa stagione con i gruppi

Non trascurare poi i viaggi business: conoscere il calendario di fiere, eventi e altre iniziative della zona e adattare l’offerta di conseguenza, può rivelarsi strategico non solo per aumentare le prenotazioni degli alloggi, ma anche di sale conferenze o ristorante interni.

A proposito di spazi, cerca sempre di capire qual è la formula di maggiore interesse per il target. Sistemazioni troppo grandi (come camere con più letti o alloggi per gruppi numerosi) possono risultare eccessive per coppie o turisti business, e potrebbe essere più conveniente cambiarne la configurazione o chiuderle momentaneamente in bassa stagione, lasciando in funzione il resto della struttura.

Promuovi la tua struttura online

In bassa stagione gli introiti sono ridotti, ma lo è anche la concorrenza. Questo si traduce in una potenziale occasione di visibilità e in una diminuzione dei costi promozionali online. Le stesse operazioni che faresti nel periodo di punta a cifre elevate, come campagne di Facebook Ads e Google Ads ad esempio, possono essere sostenute con investimenti di minore entità fuori dal periodo clou. Mantenendo l’attività pubblicitaria costante nel tempo riuscirai inoltre a ottimizzare il budget anche quando la stagione riparte, ottenendo così un vantaggio economico oltre che competitivo.

Anche per questo, in bassa stagione non bisogna smettere di promuovere la propria struttura sui canali digitali e non solo, adottando una strategia di comunicazione il più possibile omnichannel. Ad esempio, se possiedi già un database di clienti che hanno soggiornato in passato presso il tuo albergo o B&B, perché non provare a ricontattarli, magari offrendo loro condizioni di acquisto speciali e riservate? L’ideale, è predisporre delle offerte periodiche da inviare manualmente per cercare di rinnovare il ricordo degli ospiti passati, fidelizzarli e stimolare nuove prenotazioni (anche attraverso un passaparola qualificato).  

In generale, ricorda di curare sempre la tua identità online e di promettere solo ciò che puoi mantenere: questo riguarda anche le immagini della tua struttura. Social network e sito dovrebbero includere anche fotografie dei periodi meno accorsati, per valorizzarli e mostrare un’anteprima di come potrebbe essere un soggiorno in quell’arco di tempo.  

Rimani aggiornato sulle ultime tendenze del settore hospitality.

Iscrivendoti alla newsletter ricevi i consigli dei nostri esperti e le offerte commerciali più vantaggiose:

aumentare prenotazioni hotel in bassa stagione check-in

Utilizza gli strumenti giusti

Tutte le operazioni che abbiamo visto fin qui sono possibili anche grazie a strumenti digitali adeguati che semplificano il lavoro di hotelier, manager e host e garantiscono coerenza ed efficienza per gli ospiti.
Il Property Management System è sicuramente uno di questi e permette di gestire ogni aspetto della struttura, soprattutto se si tratta di un sistema all-in-one, come Zak, il gestionale di WuBook per hotel, B&B e case vacanza.

Attraverso funzionalità specifiche e moduli integrativi, Zak ti permette di:

  • impostare, modificare e aggiornare le tariffe di vendita, anche diversificandole sui singoli canali, come OTA e sito proprietario;
  • variare listini e condizioni a seconda del calendario, impostando prezzi e politiche anche con largo anticipo o modulandoli in funzione della stagionalità;
  • creare regole e automatismi che abbassano o alzano il prezzo di vendita sulla base della disponibilità o altri parametri, come la velocità di vendita giornaliera;
  • costruire pacchetti comprensivi dell’alloggio e di altre esperienze o gestire le prenotazioni alternative, come sale conferenze e tavoli del ristorante;
  • monitorare e analizzare lo storico dei dati anche in forma statistica e fare valutazioni sull’andamento del business e sul revenue management.

L’alto grado di personalizzazione e la flessibilità massima della piattaforma consentono di affrontare la bassa stagione e mettere in pratica tutte le principali strategie per aumentare le prenotazioni viste sin qui.

Al contrario, farsi trovare impreparati in un periodo già di per sé difficoltoso rischia di aggiungere la beffa al danno e ridurre ancora di più le opportunità di vendita.

Offerta speciale solo per te!

- 50%
su Zak Full Suite x 3 mesi
con un risparmio di 221€

L'offerta è attivabile solo fino al 15 gennaio 2023

Non perderti le ultime tendenze del settore hospitality!

Iscrivendoti alla newsletter ricevi i consigli dei nostri esperti e le offerte commerciali più vantaggiose: