Wubook Login Lost Password

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Sconto come da b.com su sito della struttura
#1
Da un può che volevo proporre questa proposta che spesso mi trovo con ospiti che non è la prima volta ma spessissimo prenotato con noi MA via b.com
Mi chiedevo "perché", anche avendo creato un "promo cod" per loro con un sconto PARTICOLARE che nessun b.com e altro OTA lo farebbe
Ho cominciato a parlare con loro per scoprire il secreto,
ci sono alcune categorie:
1) alcuni vogliono arrivare ad essere ammessi a "Genius" ed avere sconti dedicati
2) alcuni per abitudine
3) Perché b.com fa sconti straordinari, fantastici.......
Dico come mai che b.com fa questi sconti.... in realtà b.com FA NIENTE che prendere tre tariffe che abbiamo messo noi e presentare la differenza tra più alto e quello attuale come lo sconto. Un ospite non ha tempo leggere la spiegazione di b.com riguardo lo sconto e prenota o anche se visita il sito della struttura non vede una cosa simile va prenotare da b.com perché scritto da b.com (-50%) ecc... anche se il prezzo quello "scontato" è SIMILE a quello sul sito!!!

Sarebbe possibile di avere una cosa simile al reception on-line di sito della struttura?

Allego lo screenshot della spiegazione di b.com


Allegati
.png   offerta_bk.PNG (Dimensione: 36.79 KB / Download: 28)
#2
Seguo con interesse
#3
Ciao a tutti,

non sono certissimo di aver capito bene.
Mi sembra di aver capito che Booking.com mostra come sconto qualche cosa che in realtà non è
uno sconto, ma la proposta di cambiare le date del soggiorno su un periodo che ha prezzi più bassi.
Ho capito male?

Potrebbe essere interessante uno strumento che "suggerisca" di cambiare le date se un piccolo
cambiamento del periodo del soggiorno comportasse una riduzione sostanziale del prezzo.
(Potrebbe migliorare le conversioni secondo voi?)

Sono dell'avviso che però questa operazione dovrebbe avvenire con una certa trasparenza,
cioè l'utente che prenota dovrebbe essere conscio che si tratta di uno spostamento del
soggiorno e non di un'offerta speciale.
Non sò nenache quale carico computazionale comporti questa funzione e se quindi
sia fattibile su WuBook (questo potrebbe stabilirlo solo il nostro reparto tecnico).

Per ora vi chiedo di confermarmi se ho compreso bene la proposta.

(In merito alla procedura per rendere il proprio booking engine diretto più conveniente
rispetto alle OTA
, abbiamo un'articolo della documentazione su questo tema.)

Grazie per la partecipazione.
#4
ciao, anche a me interessa...
No brown non è come dici tu.
Praticamente booking indica uno sconto che per quelle date sconto non è...è uno sconto rispetto alla tariffa più alta in extranet, ma che sicuramente è legata ad un altro periodo.

Per esempio
Io ho impostato per marzo il mio prezzo a 80€ e per agosto il mio prezzo a 160€
Se io cerco delle date per marzo, booking mi visualizza cosi: 'supersconto 50%, prezzo 80€' (di fondo ti fa credere che stai prenotando uno sconto del 50% ma non è cosi) E' solo marketing.

Spero di essermi spiegata
ciao ciao
Jenny
Jenny e Thomas
www.relaisrosadeiventi.com
www.corteferrari.it
www.casaraffaella.com
Moniga del Garda
Lago di Garda
#5
Grazie Jenni per la precisazione,
ma mi sembra allora di aver capito bene:

"Mi sembra di aver capito che Booking.com mostra come sconto qualche cosa che in realtà non è uno sconto,
ma la proposta di cambiare le date del soggiorno su un periodo che ha prezzi più bassi.
"

Tu hai scritto:
"Praticamente booking indica uno sconto che per quelle date sconto non è...è uno sconto rispetto alla tariffa
più alta in extranet, ma che sicuramente è legata ad un altro periodo.
"

Non è la stessa cosa?

Per "proposta di cambiare le date" intendo che il prezzo più basso è legato ad un'altro periodo e quindi
l'utente per accedere a questo ""sconto"", dovrà cambiare le date del soggiorno.

Continuo a non capire?
#6
guarda l'allegato..
è del mio residence da booking.
Booking indica che se prenoti quelle date, hai uno sconto del 29%.
In realtà non è vero che il prezzo è scontato, perchè il prezzo in rosso 287,64€ è il prezzo effettivo e reale che io ho impostato per quelle date. Senza sconti o altro.


(03-09-2017, 12:36 AM)brown Ha scritto: Grazie Jenni per la precisazione,
ma mi sembra allora di aver capito bene:

"Mi sembra di aver capito che Booking.com mostra come sconto qualche cosa che in realtà non è uno sconto,
ma la proposta di cambiare le date del soggiorno su un periodo che ha prezzi più bassi.
"

Tu hai scritto:
"Praticamente booking indica uno sconto che per quelle date sconto non è...è uno sconto rispetto alla tariffa
più alta in extranet, ma che sicuramente è legata ad un altro periodo.
"

Non è la stessa cosa?

Per "proposta di cambiare le date" intendo che il prezzo più basso è legato ad un'altro periodo e quindi
l'utente per accedere a questo ""sconto"", dovrà cambiare le date del soggiorno.

Continuo a non capire?


Allegati
.png   Schermata 2017-03-08 alle 15.43.09.png (Dimensione: 89.4 KB / Download: 6)
Jenny e Thomas
www.relaisrosadeiventi.com
www.corteferrari.it
www.casaraffaella.com
Moniga del Garda
Lago di Garda
#7
1000 Grazie Jenni,
hai ragione: non avevo capito bene.

Ora mi è molto più chiaro:
In pratica il prezzo che sembra quello scontato (nel tuo esempio i 287,64) in realtà è il prezzo normale.
Ma appare vicino ad un prezzo più alto (406,08 che non si sa bene da dove venga: da un'altro periodo,
ma vai a capire quale), dando la percezione (o meglio l'illusione) all'utente che prenota di approfittare
di uno sconto.

A me sembra un po' una forzatura: extreme marketing (ma io non sono un'albergatore).
A voi piace questa funzione?
#8
La differenza è la Rack Rate, così si chiama in termine alberghiero, ovvero la tua tariffa più alta settata.
Booking.com prende la Rack rate a paragone della tariffa proposta, per quello trovi sconti "impossibili", ma è fatto a random, non sistematicamente, un pò come le fotografie della gallery che sono proposte a random, alcune volte c'è, altre no.

Assolutamente no, non è più attuale e sono veramente in pochi quelli che la propongono.
Oramai è una tariffa fake da "polli".
Piuttosto vedi Expedia che fa veramente degli sconti lui sulla tua tariffa deducendosi in commissione per i clienti registrati che pagano direttamente a lei.
#9
Allora,

va detta una cosa molto semplice, secondo me cristallina, ma alcuni provider di booking engine hanno mitizzato certe cose e temo che questa semplice considerazione sia poco tenuta a mente.

Il booking engine, in particolare per strutture leisure, e' sicuramente una tecnologia piu' debole di un portale come booking.com.

Chi viaggia per strutture sempre diverse (la maggior parte delle persone che fanno vacanze e non business travel), trova in booking.com ed expedia e compagnia bella un "Frame Costante".

Sanno come funziona. Sanno cosa aspettarsi. Hanno feedback, molte immagini. Hanno la fiducia dell'intermediario (un mio esempio personale: ho recentemente preferito la garanzia di Amazon, spendendo un 40 euro in piu', rispetto a comprare lo stesso prodotto -uno smartofono- su venditori indipendenti e sconosciuti).

L'lalternativa e' dover approcciare una strada comunicativa (poi l'hotel mi risponde?) nuova. Non ci sono mai stato in quell'hotel. Chi mi dice che poi mi prendono in considerazione? O che sappiano gestire le email e le notifiche e le comunicazioni come booking.com, con efficacia e professionalita'?

Altro esempio personale: ho acquistato un volo su una compagnia indipendente, invece di preferire i soliti MoMondo, Airfinder e via dicendo.
Sapete? Le email non mi sono arrivate (sono finite in spam). Per quale motivo? Perche' questa compagnia indipendente non ha le competenze tecnologiche di un Momondo, per esempio.

E' ben differente, invece, il discorso degli hotel business: l'agente che torna continuamente ha un rapporto fiduciario con l'hotel. A quel punto, il booking engine e' una semplice porta di ingresso, tipo un bancomat. Lo usa volentieri, sa chi c'e' dietro e ha fiducia. E sconto, ovviamente.

Una considerazione finale: proprio sulla base di questi pensieri, da sempre dico che il primo fattore di conversione diretta dipende in maniera molto importante dal livello comunicativo della struttura, e non dalla qualita' del booking engine (aime', in questo senso ancora molti provider vendono a mio avviso feticismi tecnologici. Come fosse il bancomat a fare della banca un istituto importante).

Una strategia che io adotterei se fossi un hotel sarebbe questa: avere uno spazio di discussione con gli utenti (non prenotazioni online, discussioni!). Per esempio, a me piacerebbe poter fare domande a un hotel, prima di sceglierlo. E se avessi una risposta veloce, sicura e positiva, che magari contiene un link per una prenotazione diretta, magari con uno sconto del 5%, a quel punto si che userei il canale di disintermediazione.

Questo spazio potrebbe essere facebook. Oppure una semplice form di contatto (molto ben evidenziata sul sito) che permetta una messaggistica veloce.
Il team della struttura deve, pero', non solo rispondere alla domanda, ma fornire un link per la preno diretta
#10
Federico, concordo in tutto quello che hai detto.
Ti ricordi che una volta ti avevo parlato di Myreply.. è un servizio simil chat dove l'hotel ti risponde via messaggi e tu hai sempre la tua offerta visibile e puoi prenotarla o continuare a chiedere.

Noi sui nostri siti abbiamo la chat, e vedo che funziona, appunto per fare domande pre-prenotazione.

ciao
Jenny
Jenny e Thomas
www.relaisrosadeiventi.com
www.corteferrari.it
www.casaraffaella.com
Moniga del Garda
Lago di Garda
  


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)