Wubook Login Lost Password

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Fattura elettronica con importo pari a 0
#1
Salve perchè in ZAK Contabilità/Documenti/Aggiungi nuovo documento non è possibile emettere una fattura elettronica con importo pari a 0 e la sua relativa descrizione...?

Ai miei clienti sto consigliando di emettere solo fatture pertanto quando ci si trova di fronte ad un pagamento di un soggiorno effettuato da un'agenzia, sia esso anticipato sia esso differito, sorge la necessità di rilasciare all'ospite un valido documento di uscita pari a 0.

Quindi la mia richiesta è possibile attuare su ZAK l'emissione di fatture elettroniche pari a 0...?
[Immagine: logo.jpg]
HOTELBOOST.COM di Gerardo De Santis
your hotel specialist in sales & revenue
Mobile: +39 338 464 8716
#2
(01-16-2020, 06:28 AM)Gerardo De Santis Ha scritto: Salve perchè in ZAK Contabilità/Documenti/Aggiungi nuovo documento non è possibile emettere una fattura elettronica con importo pari a 0 e la sua relativa descrizione...?

Ai miei clienti sto consigliando di emettere solo fatture pertanto quando ci si trova di fronte ad un pagamento di un soggiorno effettuato da un'agenzia, sia esso anticipato sia esso differito, sorge la necessità di rilasciare all'ospite un valido documento di uscita pari a 0.

Quindi la mia richiesta è possibile attuare su ZAK l'emissione di fatture elettroniche pari a 0...?

Ciao Gerardo,

ti chiedo solo per confrontarci e capire, ma perchè l'hotel dovrebbe rilasciare un documento fiscale con importo pari
a zero? se il cliente ha pagato all'agenzia sarà l'agenzia che rilascia il documento a quest'ultimo e l'hotel poi fattura
all'agenzia regolarmente, può emettere fattura con data differita del pagamento.
Non credo sia necessario un documento fiscale da rilasciare al cliente. Non potrebbe usare il documento generico
che non ha nessuna valenza fiscale?
Detto questo, che ti dico è per avere un confronto, vado a investigare questa possibilità di emissione di fatture a zero.
Grazie se vorrai rispondermi.
Un saluto,
Elisa
#3
Ciao Elisa grazie a te per l'attenzione e risponderti è un piacere anche se l'argomento è articolato e quindi è un pò lunghetto.
Innanzitutto la pratica di emettere ricevute o fatture con importo pari a 0 consegnate a clienti/ospiti con prestazioni pagate da aziende (quindi rapporti B2B) era una pratica che doveva sempre essere rispettata dagli esercenti commerciali in questo caso esercenti di attività alberghiere ed extralberghiere sulla base del regime sulle sanzioni tributarie previsto dal Decreto Legislativo 471/1997, in materia di mancata emissione dello scontrino o ricevuta fiscale.

Ora non ce nessuna abrogazione di questo Decreto Legislativo, ma si legge su Agenda digitale in maniera "descrittiva" senza riferimenti legislativi quanto segue:
"Il cliente non potrà più essere sanzionato all'uscita del negozio per l’assenza dello scontrino. La Guardia di Finanza potrà chiedergli però quanto ha speso e poi verificare che il negoziante ha in effetti battuto (telematicamente) quella cifra."
Agenda Digitale quindi dice il cliente non sarà sanzionato, ma non dice che non sarà sanzionato l'esercente che non rilascia un documento pari a 0 se a pagare è un terzo ossia un'azienda...?
il Decreto Legislativo 471/1997 prevede anche sanzioni per l'esercente in caso di mancato rilascio di uno scontrino o ricevuta fiscale.

Supponiamo che l'azienda X faccia un regalo ad un suo dipendente, un soggiorno di 7 notti presso l'Hotel Y, il dipendente che ha consumato la prestazione presso l'Hotel Y dovrebbe conoscere quanto l'azienda ha pagato il regalo e se non lo conosce cosa accade..?

Soggiorno Expedia, Expedia collect. L'Hotel emette fattura del netto, all'uscita dell'Hotel la finanza chiede all'ospite quanto hai pagato per il soggiorno l'ospite dirà 100 euro, ma l'hotel fatturerà 78, in questo caso a supportare l'hotel saranno i contratti stipulati con l'operatore.

Un ristorante rilasciava un documento di trasporto pari a 0 richiamando fattura se prepagato o segue fatura se il pagamento era differito quando un pranzo era pagato dall'azienda per un suo dipendente

Siccome viviamo nel paese di pulcinella, dove tutto è il contrario di tutto, al fine di tutelarci ed evitare quanto più possibile eventuali sanzioni a cui si potrebbe andare incontro l'emissione di un documento con importo pari a 0 che in descrizione venga menzionato numero di prenotazioni, ed eventualmente se soggiorno già pagato facendo riferimento a un numero di fattura emessa o eventualmente soggiorno con pagamento differito la dicitura segue fattura, potrebbe evitare qualsiasi problema.
Praticamente è continuare a fare quello che da sempre andava fatto e che non si sbaglia.

E' vero quello che dici Elisa usare un Documento generico pari a 0 potrebbe essere utile e sostituire la fattura pari a 0, infatti questo potrebbe essere associato al documento commerciale non ai fini fiscali purché non preveda nessun dato di partita iva e codice fiscale in quanto diversamente diventerebbe un documento commerciale fiscalmente valido e quindi con obbligo di invio elettronico.

Ora venendo alla mia richiesta ho fatto dei test da Contabilità/Documenti/Aggiungi nuovo documento sullo step crea documento come per la fattura anche per il documento generico non è possibile tirarlo fuori ad importo 0 se non seguendo questa strada.
Creo il documento dove si deve aggiungere un servizio da fatturare per cui nell'importo ho inserito 0,1 centesimo ho scritto la descrizione e così ho aggiunto un servizio con importo pari a 0,1 cent. nel documento.
Prima di emettere il documento sia esso Fattura/Ricevuta/Fattura ProForma/Documento generico ho azzerato tutti i campi compreso iva lasciando solo la descrizione per cui il documento è creato con importo pari a 0.

Ora visto che la possibilità ce, perchè non rendere l'azione più pratica senza fare tutti i passaggi appena riportati e prevedere che esistono dei servizi anche con importo pari a 0 e quindi quando si clicca su aggiungi basta inserire solo la descrizione, azzerare l'iva e lasciare l'importo pari a 0...?
Considera il tutto anche in prospettiva di quanto riportato inizialmente a questo post.

Fammi sapere che ne pensi, saluti.
[Immagine: logo.jpg]
HOTELBOOST.COM di Gerardo De Santis
your hotel specialist in sales & revenue
Mobile: +39 338 464 8716
#4
Grazie per la spiegazione Gerardo.

Mi sembrano pratiche veramente assurde....che paese...anyway...
Abbiamo eliminato il blocco ed ora puoi utilizzare la funzionalità con importo a zero.
Non ricordo se causa qualche probelma con l'Sdi, in caso facci sapere

Grazie e buon lavoro!
Elisa
#5
Ciao Elisa grazie per aver accolto questa richiesta, ovviamente considererò anche la tua opzione sul documento generico (tecnicamente si chiama accompagnatoria se il cliente richiede un documento su una prenotazione pagata da un azienda) per cui volevo chiederti immagino che non ci sia un invio elettronico emettendo un documento generico, esatto..?
[Immagine: logo.jpg]
HOTELBOOST.COM di Gerardo De Santis
your hotel specialist in sales & revenue
Mobile: +39 338 464 8716
#6
Esatto!
#7
(01-17-2020, 02:04 AM)gold Ha scritto: Esatto!

Elisa solo per completezza sull'argomento e per chi volesse seguire queste indicazioni sulla emissione del documento generico (accompagnatoria)
IMPORTANTE è che il documento generico non abbia nessun riferimento id Codice Fiscale e ne id Partita Iva altrimenti il documento generico diventa ufficialmente un documento fiscalmente valido e quindi con obbligo di inviare elettronicamente.
Quindi in caso di richiamo dall'anagrafica ospiti di ZAK di un ospite che facesse richiesta di un documento generico oppure che una struttura emetta autonomamente un documento generico deve cancellare i dati riportati nei campi Codice Fiscale e Partita IVA.


Grazie di tutto, saluti.
[Immagine: logo.jpg]
HOTELBOOST.COM di Gerardo De Santis
your hotel specialist in sales & revenue
Mobile: +39 338 464 8716
  


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)