Wubook Login Lost Password

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Coronavirus e crisi alberghiera a Milano: qualche numero
#31
La situazione non è che all'inizio e a mio avviso perdurerà fino a inizio giugno a meno che la strategia operativa e comunicativa del nostro caro governo non sia radicalmente modificata, ma ci credo poco. Negli altri paesi la pandemia è solo all'inizio non per mancanza di malati ma per mancanza di tamponi fatti. Verificate i nostri numeri e quelli dei nostri vicini (non parlo degli USA dove su mezzo miliardo di abitanti hanno fatto 400 tamponi perchè costano al cittadino 3700 US$ l'uno. Siamo realisti: abbiamo dato informazioni allarmistiche a tutti i cittadini del mondo tanto da diventare noi il veicolante il virus (vedi prospezioni CNN) e abbiamo reagito a livello governativo da incompetenti. Unica nostra fortuna è che abbiamo una sanità che funziona bene e per ora regge.
Ma veniamo alle cancellazioni e alla mancanza di prenotazioni: stanno cancellando anche i periodi come settembre e ottobre 2020 e l'estate al mare e non solo gli stranieri. Senza contare le manifestazioni cancellate da oggi a dopo domani come nel caso delle Strade Bianche e dei 100 giorni a SIena, eventi che impattano su tutta la città previsti per il 7 marzo che dopo mille rassicurazioni sono stati cancellati stamani.
Quindi mettete pure da parte le non rimborsabili perchè nessuno le prenota più.
Le multinazionali sono tutte basate in centro nord e li ci sono le zone rosse e gialle: alternanza lavoro, telelavoro, proibita qualsiasi trasferta anche in Italia. Oggi gli avvocati sono entrati in sciopero fino al 20 marzo perchè non si sentono tutelati e quindi niente giustizia. Il governo chiude tutte le scuole ma lascia aperte palestre e cinema, con quale logica qualcuno me lo spieghi. E potrei continuare così ma pensiamo al futuro.
Elasticità è la parola d'ordine: qualsiasi politica di cancellazione abbiamo proposto in fase di prenotazione non ne teniamo conto e possono cancellare come meglio credono. Questo è segno di professionalità e il cliente lo apprezza molto. Se il cliente vuole tornare in quella località dove pensate che riprenoti, dove non l'hanno rimborsato o dove lo hanno fatto?
Secondo, focalizzatevi sul mercato interno se siete strutture estive, sarà quello che potrebbe salvarci.
Per il resto c'è da sperare che tutto si stabilizzi rapidamente qui da noi in quanto siamo quelli che facciamo ora più controlli, perchè per gli altri paesi siamo solo all'inizio e c'è da sperare che il governo segua una linea chiara di controlli alle frontiere.
Ma fino ad allora stribgiamo i denti e si, facciamo delle belle pulizie e manutenzioni per tornare più belli di prima.
In bocca al lupo a tutti
#32
Grosse novità da Booking.com:

The FC conditions apply to the following reservations
All reservations made for properties in or by travellers from one of the following regions in Italy: Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Piemonte and Trentino Alto Adige, with a check-in date on or before 31 March 2020, all reservations made for properties in or by travellers from one of the following locations in South Korea: Daegu and Cheogndo County, with a check-in date on or before 31 March 2020

Praticamente tutto il nord Italia messo al pari di comuni zone rosse e costretto alle "condizioni di forza maggiore", per cui TUTTE le prenotazioni fino al 31/3 saranno a cancellazione gratuita se richiesta e qualora già pagata caparra o simile sarà da rimborsare.

Inoltre allora a domanda volutamente provocatoria: "allora visto che sono zona rossa a rischio secondo booking.com posso chiudere l'hotel e rinunciare gratuitamente alle poche prenotazioni già ricevute?" La Risposta è stata "No, in questo caso dovrà pagare la riprotezione"

TRADOTTO: si "tutela" la salute del cliente ma dell'host e suoi dipendenti ci frega meno di zero

SENZA PAROLE

ps. assistenza booking ha anche detto che per segnalare queste regioni come rosse se ne occupa un loro dipartimento che solitamente è in contatto con delle autorità (non meglio precisate).
#33
(03-06-2020, 01:30 AM)EQ012 Ha scritto: Grosse novità da Booking.com:

The FC conditions apply to the following reservations
All reservations made for properties in or by travellers from one of the following regions in Italy: Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Piemonte and Trentino Alto Adige, with a check-in date on or before 31 March 2020, all reservations made for properties in or by travellers from one of the following locations in South Korea: Daegu and Cheogndo County, with a check-in date on or before 31 March 2020

Praticamente tutto il nord Italia messo al pari di comuni zone rosse e costretto alle "condizioni di forza maggiore", per cui TUTTE le prenotazioni fino al 31/3 saranno a cancellazione gratuita se richiesta e qualora già pagata caparra o simile sarà da rimborsare.

Inoltre allora a domanda volutamente provocatoria: "allora visto che sono zona rossa a rischio secondo booking.com posso chiudere l'hotel e rinunciare gratuitamente alle poche prenotazioni già ricevute?" La Risposta è stata "No, in questo caso dovrà pagare la riprotezione"

TRADOTTO: si "tutela" la salute del cliente ma dell'host e suoi dipendenti ci frega meno di zero

SENZA PAROLE

ps. assistenza booking ha anche detto che per segnalare queste regioni come rosse se ne occupa un loro dipartimento che solitamente è in contatto con delle autorità (non meglio precisate).

In realtà Booking.com, se uno si sofferma a leggere attentamente, "chiede" di rimborsare o annullare la penalty. Comunque concordo totalmente sulla questione che viene tutelato solo il consumatore come avevo scritto anche in precedenza. In ogni caso, il modo in cui è stata gestita tutta questa situazione è a dir poco ridicola. Le cause di forza maggiore poi tutelano i consumatori ma le imprese che vanno incontro al pagamento di tasse, imposte, bollette, mutui ecc. non hanno tutela, come se le imprese fossero delle semplici macchine quando in realtà dietro hanno persone che andrebbero tutelate. Non ha nessuna logica.
#34
(03-06-2020, 01:30 AM)EQ012 Ha scritto: Grosse novità da Booking.com:

The FC conditions apply to the following reservations
All reservations made for properties in or by travellers from one of the following regions in Italy: Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Piemonte and Trentino Alto Adige, with a check-in date on or before 31 March 2020, all reservations made for properties in or by travellers from one of the following locations in South Korea: Daegu and Cheogndo County, with a check-in date on or before 31 March 2020

Praticamente tutto il nord Italia messo al pari di comuni zone rosse e costretto alle "condizioni di forza maggiore", per cui TUTTE le prenotazioni fino al 31/3 saranno a cancellazione gratuita se richiesta e qualora già pagata caparra o simile sarà da rimborsare.

Inoltre allora a domanda volutamente provocatoria: "allora visto che sono zona rossa a rischio secondo booking.com posso chiudere l'hotel e rinunciare gratuitamente alle poche prenotazioni già ricevute?" La Risposta è stata "No, in questo caso dovrà pagare la riprotezione"

TRADOTTO: si "tutela" la salute del cliente ma dell'host e suoi dipendenti ci frega meno di zero

SENZA PAROLE

ps. assistenza booking ha anche detto che per segnalare queste regioni come rosse se ne occupa un loro dipartimento che solitamente è in contatto con delle autorità (non meglio precisate).

Non preoccuparti, a breve ti chiude il governoc he sta discutendo la chiusura forzata di un mese delle strutture ricettive
#35
A Roma non va meglio, riesco a tenere qualche non rimborsabile (anche se molti preferiscono comunque non venire e perdere l'intera somma) ma per il resto ho TUTTE cancellazioni fino a fine aprile ed assolutamente ZERO prenotazioni da 2 settimane. L'eccessivo allarmismo non ha colpito solo Milano ma tutta l'Italia. Un mio amico con 3 alberghi in sardegna ha ricevuto il 90% delle cancellazioni per questa estate.
Dubito che il virus sia solo in Italia ma SOLO in Italia abbiamo urlato all'ecatombe, tutti i paesi del mondo sconsigliano, se non vietano, i viaggi in Italia; in tuti i casi c'è la quarantena al loro rientro a casa (quindi non viene più nessuno ovviamente)
Non c'è nemmeno da dire che se non arrivano turisti non funzionano gli hotel e la recettività, in generale, i trasporti, i musei, i ristoranti, i negozi, tutto. Le principali piazze di Roma sono vuote, i ristoranti ti pagano per prendere un caffe e fare numero sui loro tavoli deserti, i negozianti camminano su e giù fuori dai loro negozi vuoti. Questo allarme virus costerà al paese ben più di una guerra sul suolo nazionale, questo sarà il prezzo da pagare a causa del terrore generato dalla stampa e dagli organi istituzionali.
#36
Un suggerimento per tutti quelli che parlano di incassare le non rimborsabili in caso di mancata presentazione: attenzione perchè i vostri PAN manuali sono tutti illegali e quindi contestabili se non avete la verifica a doppio fattore al momento dell'incasso e dubito che abbiate materialmente la carta o il PIN della carta o le impronte digitali come richiesto per legge. Se incassate il PAN manuale senza la verifica a due fattori, chiunque chieda lo storno lo otterrà per legge. Questo è un problema per qualsiasi tipo di cancellazione in penale, non solo per le non rimborsabili perchè dubito che un cliente fornisca carta e PIN all'hotel. Forse vale la pena fare i signori e dire non si preoccupi, cancelli pure senza penale vista la situazione e tenersi il cliente piuttosto che incassare, perdere il cliente e fare una misera figura dovendo poi rimborsare.
#37
(03-06-2020, 07:26 PM)LG107 Ha scritto: Forse vale la pena fare i signori e dire non si preoccupi, cancelli pure senza penale vista la situazione e tenersi il cliente piuttosto che incassare, perdere il cliente e fare una misera figura dovendo poi rimborsare.

Penso tu abbia ragione. Anche perché si rifarebbero sicuramente a questo tipo di comunicazioni ufficiali: https://partner.booking.com/it/aiuto/asp...oronavirus
:s
#38
(03-06-2020, 10:34 PM)white Ha scritto:
(03-06-2020, 07:26 PM)LG107 Ha scritto: Forse vale la pena fare i signori e dire non si preoccupi, cancelli pure senza penale vista la situazione e tenersi il cliente piuttosto che incassare, perdere il cliente e fare una misera figura dovendo poi rimborsare.

Penso tu abbia ragione. Anche perché si rifarebbero sicuramente a questo tipo di comunicazioni ufficiali: https://partner.booking.com/it/aiuto/asp...oronavirus
:s

I clienti oggi non sono più caduti dal però come si dice ma conoscono le regole, soprattutto quando queste regole sono implementate ovunque. La legge europea recepita anche dall’Italia obbliga alla verifica a due fattori per le transazioni elettroniche ivi comprese le carte di credito. É una discussione vecchia: le strutture non sono più tutelate nelle cancellation policy e bisognerebbe tornare alla vecchia caparra ma chi lo farebbe oggi? Nessuno, quindi non siamo tutelati.
#39
(03-06-2020, 10:54 PM)LG020 Ha scritto:
(03-06-2020, 10:34 PM)white Ha scritto:
(03-06-2020, 07:26 PM)LG107 Ha scritto: Forse vale la pena fare i signori e dire non si preoccupi, cancelli pure senza penale vista la situazione e tenersi il cliente piuttosto che incassare, perdere il cliente e fare una misera figura dovendo poi rimborsare.

Penso tu abbia ragione. Anche perché si rifarebbero sicuramente a questo tipo di comunicazioni ufficiali: https://partner.booking.com/it/aiuto/asp...oronavirus
:s

I clienti oggi non sono più caduti dal però come si dice ma conoscono le regole, soprattutto quando queste regole sono implementate ovunque. La legge europea recepita anche dall’Italia obbliga alla verifica a due fattori per le transazioni elettroniche ivi comprese le carte di credito. É una discussione vecchia: le strutture non sono più tutelate nelle cancellation policy e bisognerebbe tornare alla vecchia caparra ma chi lo farebbe oggi? Nessuno, quindi non siamo tutelati.

mmm quando la proroga scadrá credo che la nuova normativa dará maggiori garanzie non credi?
Se (e sottolineo il "se") al momento di inserire i dati della CC si chiede l'autenticazione e si riesce a salvare questa autenticazione in un token con un parametro dedicato, allora la tutela diventa piú forte. Al momento di far la transazione, chiami il token di autenticazione e puoi procedere senza rischio di charge-back. A quel punto la Not Ref rimarrebbe valida..
#40
(03-07-2020, 12:39 AM)white Ha scritto:
(03-06-2020, 10:54 PM)LG020 Ha scritto:
(03-06-2020, 10:34 PM)white Ha scritto:
(03-06-2020, 07:26 PM)LG107 Ha scritto: Forse vale la pena fare i signori e dire non si preoccupi, cancelli pure senza penale vista la situazione e tenersi il cliente piuttosto che incassare, perdere il cliente e fare una misera figura dovendo poi rimborsare.

Penso tu abbia ragione. Anche perché si rifarebbero sicuramente a questo tipo di comunicazioni ufficiali: https://partner.booking.com/it/aiuto/asp...oronavirus
:s

I clienti oggi non sono più caduti dal però come si dice ma conoscono le regole, soprattutto quando queste regole sono implementate ovunque. La legge europea recepita anche dall’Italia obbliga alla verifica a due fattori per le transazioni elettroniche ivi comprese le carte di credito. É una discussione vecchia: le strutture non sono più tutelate nelle cancellation policy e bisognerebbe tornare alla vecchia caparra ma chi lo farebbe oggi? Nessuno, quindi non siamo tutelati.

mmm quando la proroga scadrá credo che la nuova normativa dará maggiori garanzie non credi?
Se (e sottolineo il "se") al momento di inserire i dati della CC si chiede l'autenticazione e si riesce a salvare questa autenticazione in un token con un parametro dedicato, allora la tutela diventa piú forte. Al momento di far la transazione, chiami il token di autenticazione e puoi procedere senza rischio di charge-back. A quel punto la Not Ref rimarrebbe valida..

In questo momento la doppia verifica vale solo se:
è presente la carta sul posto e si inserisce il PIN
se la carta non è presente (PAN manuale) ma la struttura ha il PIN (si come no ahahah)
se la carta non è presente (PAN manuale) ma si hannolel impronte digitali del titolare (anche qui ahahahah).
Sono ridicoli
  


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)