WuBook Community Forum

Versione completa: Rivoluzione OTA: Expedia lancia il nuovo programma a pagamento per essere primi sui r
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Expedia lancia l’Accelerator Program, il nuovo programma che permetterà agli hotel di ottenere a pagamento più visibilità sui risultati di ricerca ordinari. Come funzionerà il sistema non è stato ancora reso pubblico, ma forse comprenderà un’asta pay per click, proprio come sui metasearch. Una novità che secondo alcuni esperti potrebbe rivoluzionare il mondo delle OTA e della distribuzione online per gli hotel indipendenti. - See more at: http://www.bookingblog.com/rivoluzione-o...7Ck2Y.dpuf

Per lo staff di Wubook: sarebbe opportuno anticipare i tempi senza aspettare ed arrivare in ritardo successivamente, Leggete:
http://www.bookingblog.com/rivoluzione-o...Newsletter
Ciao Roberto,

guarda, non ho tempo ora come ora di leggere gli articoli, ma in che senso dici di "anticipare" i tempi? Siamo in contatto costante con Expedia e veniamo aggiornati praticamente in tempo reale su roadmap e direzioni di sviluppo. Forse si tratta di un'implementazione opaca, che cioe' non richiede aggiornamenti del channel manager?

By the way, visto che ci sono: Expedia ha appena sviluppato funzionalita' per creare rooms e rates in automatica (via CM).
(02-19-2016, 11:44 PM)yellow Ha scritto: [ -> ]Ciao Roberto,

guarda, non ho tempo ora come ora di leggere gli articoli, ma in che senso dici di "anticipare" i tempi? Siamo in contatto costante con Expedia e veniamo aggiornati praticamente in tempo reale su roadmap e direzioni di sviluppo. Forse si tratta di un'implementazione opaca, che cioe' non richiede aggiornamenti del channel manager?

By the way, visto che ci sono: Expedia ha appena sviluppato funzionalita' per creare rooms e rates in automatica (via CM).

al momento neanche io so cosa intendono fare ed ho estrapolato questa news ..riportata dai mass ... è veramente interessante. Spero che non sia una bufala...